la Storia

 

 

 

Il “Leon Battista Alberti” è il liceo scientifico del quartiere Vomero-Arenella, innovativo, affidabile e dinamico, attento alla formazione completa e moderna dei suoi studenti come cittadini protagonisti, attivi e consapevoli, pronto a coltivare le loro passione, dando loro l’opportunità di “metterle in scena”, sensibile alla dimensione linguistica ed interculturale dei suoi alunni, per trasformarli da “viaggiatori” in “cittadini del mondo”. E’ situato in via Pigna 178, non distante dalla fermata della Metropolitana collinare di Piazza Quattro Giornate, dalla fermata dell’autobus 132 e dalle uscite della Tangenziale di Via Luigi Caldieri e via Pigna.

Ma come nasce il Liceo Alberti?  Costola del liceo “Galileo Galilei” si forma quando un gruppo di docenti e di studenti si trasferisce nei locali di via Conte della Cerra. La scuola aveva allora una doppia sede: la “centrale”, un palazzetto fatiscente, scomodo, dalle scale strette, quasi a ridosso delle scale che conducono in Viale Michelangelo; e la “succursale”, un ex convento, con i lunghi corridoi, i soffitti alti, il cortile in pietra ed un panorama eccezionale nel colore popolare di piazza Gesù e Maria. Era il 1968 e il nome dell’istituto era un anonimo “VI Liceo Scientifico”, intitolazione che mutò in “Liceo Scientifico Leon Battista Alberti” solo nel 1976. Era diventato, in quegli anni, un liceo di sinistra, estremamente politicizzato, che aveva inaugurato una radio d’informazione alternativa, il coordinamento delle attiviste femministe, le aule occupate per il cineforum d’autore. La platea scolastica crebbe a vista d’occhio, costringendo la scuola anche a dei turni pomeridiani nel corso degli anni Ottanta. Una scuola in cui, oltre alle lezioni illuminate di molti docenti che hanno fatto la storia delle scuole vomeresi, c’era spazio per le attività sportive, per la musica, per le rappresentazioni teatrali.

Nel 1998 il trasferimento in via Pigna, nell’edificio in cui ancora si trova la scuola, fu salutato come una vera e propria conquista territoriale e culturale: da istituto a cavallo fra quartieri diversi, l’Alberti diventava finalmente un liceo del Vomero, tanto da poter entrare in competizione con il Galilei, da cui aveva preso vita molti anni prima.

Il resto è storia moderna: esclusivamente liceo scientifico fino al 2017, nell’anno scolastico 2018/2019 si è arricchito di due nuovi indirizzi scolastici fortemente voluti dal Collegio dei Docenti e dalla Dirigenza Scolastica, per offrire al territorio una maggiore e più variegata offerta formativa: il liceo delle scienze applicate ed il liceo linguistico (inglese, spagnolo e giapponese).